Patologia extra-articolare dell’anca

Quando si affronta la patologia dell’anca occorre saper distinguere la sintomatologia legata a problematiche dell’anca da quelle extra-articolari:

Tendinopatie del medio gluteo

Il muscolo medio gluteo origina dall’ala iliaca e si inserisce al grande trocantere, ed è un potente stabilizzatore dell’anca.

Un dolore in sede trocanterica è spesso indice di una tendinopatia del medio gluteo, e permette di distinguerlo facilmente da un dolore articolare (di solito avvertito in sede inguinale).

Il medio gluteo risente spesso di problematiche posturali con sbilanciamento della muscolatura del bacino: differenza di lunghezza degli arti, scoliosi, displasia dell’anca o coxa vara.

Radicolopatie dello sciatico

La neuropatia dello sciatico, ad origine dal rachide lombare, può manifestarsi con dolore gluteo, e quindi essere confuso per un dolore d’anca.

Sindrome del piriforme

Il muscolo piriforme è il primo dei sei muscoli extrarotatori brevi dell’anca, che originano dal sacro e dall’ischio e si dirigono verso l’aspetto posteriore del grande trocantere.

Al di sotto del muscolo piriforme vi è l’emergenza del nervo sciatico, che esce dal bacino e si dirige nella coscia.

Come il medio gluteo, anche il piriforme risente spesso di problematiche posturali del bacino. Può però essere difficile distinguere una contrattura del piriforme da un’infiammazione dello sciatico che emerge al di sotto di esso.

Contratture dell’ileo-psoas

Il muscolo ileo-psoas nasce in parte dai processi trasversi delle vertebre lombari (psoas) e in parte dalla faccia interna dell’ileo (ileo). Le due componenti si congiungono in un ventre muscolare unico che emerge dal bacino al i sotto del legamento inguinale, incrocia anteriormente l’anca e si va ad inserire al piccolo trocantere del femore.

Agisce come flessore, adduttore ed extra-rotatore dell’anca.

La contrattura è di solito favorita da esercizi di rinforzo per gli addominali o per le cosce, eseguiti con in piedi bloccati, oppure a sport che richiedono movimenti violenti come il calcio.

Pubalgia

La pubalgia è un dolore persistente regione pubica, più frequente nel calciatore, che può trarre origine da svariate componenti:

  • Tendinopatia inserzionale degli adduttori: in seguito a ripetuti microtraumi a livello dell’inserzione dei muscoli adduttori pubico, si può sviluppare una tendinopatia inserzionale degli adduttori.
  • Sindrome sinfisaria: legata alle sollecitazioni croniche dei muscoli adduttori sulla sinfisi pubica, che può cedere divenendo instabile con alterazione dell’equilibrio del bacino. Questa condizione si verifica più facilmente in età evolutiva, un periodo nel quale la sinfisi pubica è già di per sé stessa piuttosto debole.
  • Sindrome del retto addominale: anch’essa legata alle sollecitazioni croniche all’inserzione del retto addominale sul pube.

Anca a scatto

Si tratta di una patologia caratterizzata da una sensazione di “scatto o schiocco” che il paziente avverte quando cammina, quando si alza dalla sedia, o quando ruota l’anca. Colpisce più spesso giovani adulti, più frequentemente di sesso femminile. Solitamente è indolore ma a volte può essere anche fastidiosa e può provocare delle borsiti.

L’anca a scatto può essere:

ESTERNA: è  la tipologia più diffusa e si caratterizza per lo scatto nella regione laterale dell’anca legato allo scorrimento della fascia lata sul grande trocantere.

INTERNA EXTRA-ARTICOLARE:  si caratterizza per lo scatto nella regione anteriore dell’anca; lo scatto si verifica quando il tendine dell’ileopsoas scivola al di sopra dell’eminenza ileo-pettinea o del suo stesso punto di inserzione femorale, il piccolo trocantere.

INTERNA INTRA-ATICOLARE: viene causata da lesioni al labbro acetabolare, da lesioni cartilaginee o calcificazioni.

Accettando i cookie confermi di aver preso visione dell'informativa in base alla normativa europea 2016/679. Proseguendo nella navigazione si accetta l’informativa. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi